Ridimensionare un’immagine

Volete ridurre, o aumentare, le dimensioni dell’immagine di partenza; questo è il vostro obiettivo. Ma come si fa? Idealmente questo articolo è un proseguimento del precedente, per cui prima assicuratevi di aver ben presenti le nozioni fondamentali che ho descritto lì. Soprattutto rendetevi conto che le dimensioni fisiche dell’immagine sul monitor non hanno nulla a che vedere con le dimensioni che avrà sulla carta stampata.

Come fare per ridimensionare la vostra immagine? Dipende da molti fattori:

  • L’origine: da dove viene la vostra immagine? è una foto? un’immagine scannerizzata? o una presa dal web? E’ importante per determinare la risoluzione di partenza.
  • La destinazione: dove andrà l’immagine? In stampa (e, più precisamente, dove?) o sul web? Ciò determina la risoluzione che volete ottenere.
  • Ah… ovviamente: volete ingrandire o  rimpicciolire?

Ingrandire un’immagine

Ecco, ingrandire in genere è un po’ più problematico che rimpicciolire, ma, chissà perché, è sempre l’operazione più richiesta.

Vediamo quindi i vari casi:

1. Origine: fotocamera o web (quindi bassa risoluzione, 72 ppi).

a) Destinazione: stampa.

  1. Aprire la finestra di dialogo ‘Dimensioni immagine’.
  2. Mettere la spunta a ‘Ricampiona immagine’ e scegliere ‘Bicubico più nitido’ come metodo.
  3. Impostare le dimensioni dell’immagine finale (in stampa) che volete ottenere.
  4. Impostare la risoluzione adatta alla destinazione: se è un libro o rivista su carta lucida, 300 ppi.

b) Destinazione: web.

  1. Aprire la finestra di dialogo ‘Dimensioni immagine’.
  2. Mettere la spunta a ‘Ricampiona immagine’, metodo ‘bicubico più nitido (o scegliere il metodo di ricampionamento più adatto per il tipo di immagine che vi trovate davanti).
  3. Impostare le dimensioni in pixel che dovrà avere l’immagine ingrandita.

2. Origine: scanner (quindi alta risoluzione, 300 ppi).

a) Destinazione: stampa.

  1. Aprire la finestra di dialogo ‘Dimensioni immagine’.
  2. Togliere la spunta a ‘Ricampiona immagine’.
  3. Impostare le dimensioni dell’immagine finale (in stampa) che volete ottenere. Photoshop calcola automaticamente una nuova risoluzione (più bassa).
  4. Se la nuova risoluzione è comunque troppo alta per il vostro scopo, cliccare su ‘Ricampiona immagine’, metodo ‘bicubico più nitido’, e impostare la risoluzione al valore desiderato. I pixel in più verranno eliminati.

b) Destinazione: web.

  1. Aprire la finestra di dialogo ‘Dimensioni immagine’.
  2. Non mettere la spunta a ‘Ricampiona immagine’.
  3. Impostare la risoluzione a 72 ppi. A questo punto la dimensione fisica sul monitor non cambia.
  4. Mettere la spunta a ‘Ricampiona immagine’, scegliere il metodo ‘bicubico più nitido’.
  5. Inserite le dimensioni in pixel che desiderate.

Rimpicciolire un’immagine

1. Origine: fotocamera o web (quindi bassa risoluzione, 72 ppi).

a) Destinazione: stampa.

  1. Aprire la finestra di dialogo ‘Dimensioni immagine’.
  2. Non mettere la spunta a ‘Ricampiona immagine’.
  3. Impostare la risoluzione adatta alla destinazione: se è un libro o rivista su carta lucida, 300 ppi.
  4. Se le dimesioni di stampa (che Photoshop calcola automaticamente) sono comunque troppo grandi, mettere la spunta a ‘Ricampiona immagine’ e inserire le dimensioni di stampa desiderate.

b) Destinazione: web.

  1. Aprire la finestra di dialogo ‘Dimensioni immagine’.
  2. Mettere la spunta a ‘Ricampiona immagine’, metodo ‘bicubico più nitido (o scegliere il metodo di ricampionamento più adatto per il tipo di immagine che vi trovate davanti).
  3. Impostare le dimensioni in pixel che dovrà avere l’immagine rimpicciolita.

2. Origine: scanner (quindi alta risoluzione, 300 ppi).

a) Destinazione: stampa.

  1. Aprire la finestra di dialogo ‘Dimensioni immagine’.
  2. Mettere la spunta a ‘Ricampiona immagine’, metodo ‘bicubico più nitido’.
  3. Impostare le dimensioni dell’immagine finale (in stampa) che volete ottenere, e impostare anche la risoluzione adatta al supporto.

b) Destinazione: web.

  1. Aprire la finestra di dialogo ‘Dimensioni immagine’.
  2. Non mettere la spunta a ‘Ricampiona immagine’.
  3. Impostare la risoluzione a 72 ppi. A questo punto la dimensione fisica sul monitor non cambia.
  4. Mettere la spunta a ‘Ricampiona immagine’, scegliere il metodo ‘bicubico più nitido’.
  5. Inserite le dimensioni in pixel che desiderate.

Ulteriori consigli

Fate una copia del file originale, così sarà sempre disponibile in caso di ripensamenti.

Quando si vuole ingrandire molto un’immagine, è sconsigliabile farlo ‘tutto in un colpo’: meglio farlo in più step, ciascuno del 5 o 10% ; si otterrà un risultato migliore. Non pretendete miracoli: non potete ricavare un poster da un’icona! :)

Valutare bene il metodo di interpolazione tra quelli che mette a disposizione il programma di fotoritocco: di norma, per le foto, il ‘bicubico più nitido’ è quello che dà i risultati migliori. Tuttavia per le immagini in cui non è importante tanto il dettaglio, ma piuttosto la sfumatura, l’aspetto un po’ soft, meglio scegliere ‘bicubico più morbido’.

A volte una maschera di contrasto potrebbe essere utile per migliorare l’immagine, se dovesse risultare poco nitida dopo il processo di ridimensionamento.

Ecco un trucchetto per quando si deve rimpicciolire drasticamente un’immagine che avrà come destinazione il web (ad esempio, per creare un avatar, una thumbnail o un’ icona). Per evitare che l’immagine risulti sfocata, procedi in questo modo:

  1. Apri l’immagine in Photoshop e ridurre lo zoom al 50%, o al 25%, o al 12,5% (a seconda di quanto più piccola la volete fare).
  2. Fai uno screenshot.
  3. Apri un nuovo documento e incolla.
  4. Croppa l’eccesso. L’immagine sarà di buona qualità visiva.


3 thoughts on “Ridimensionare un’immagine

  1. Pingback: Ridimensionare un immagine appunti di ANDREA CORSI | come-aumentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.