L’aramaico e l’ebraico

L’aramaico era la lingua parlata in origine da un antico popolo proveniente dalla penisola arabica che, a partire dal XIII secolo a.C., si stanziò in una zona che comprendeva città importantissime per il commercio come Damasco e Aleppo. Questa zona si chiamava Aram, da cui derivano le denominazioni “Aramei” per il popolo e “aramaico” per la loro lingua. L’aramaico è una lingua semitica settentrionale, come il fenicio; è proprio a partire dall’alfabeto fenicio che si sviluppò quello aramaico.

tavoletta con iscrizione aramaica

1. Stele con iscrizione aramaica risalente al V secolo a.C.

L’aramaico ebbe molto successo e diffusione quando l’impero persiano (500-330 a.C.) decise di adottarlo come lingua veicolare in tutto il suo vasto territorio, che comprendeva molti popoli e molte lingue diverse. Via via l’aramaico sostituì la scrittura cuneiforme, la più usata fino a quel momento. L’alfabeto aramaico era molto rapido da scrivere e da apprendere, e questo contribuì senz’altro al suo successo; è un abjad, come il fenicio, ovvero un alfabeto in cui si scrivono solo le consonanti e non le vocali, che si possono facilmente dedurre dal contesto; si compone di pochi segni e la scrittura ha direzione da destra a sinistra.

Inizialmente l’alfabeto aramaico aveva molta somiglianza con quello fenicio; col passare del tempo iniziò a differenziarzi adottando un aspetto più squadrato e più corsivo, con i caratteri uniti da legature.

Dopo la caduta dell’impero persiano, l’aramaico cominciò a ramificarsi in nuove lingue e scritture, tra cui l’ebraico. e anche il siriaco e l’arabo.

Preghiera a Dio in aramaico siriaco.

2. Preghiera a Dio in aramaico siriaco.

Il popolo ebraico ebbe origine quando, alla fine del II millennio a.C., alcune tribù nomadi di lingua semitica si spostarono dalla Mesopotamia verso la Siria e la Palestina; molte di queste tribù erano di ceppo aramaico. L‘alfabeto ebraico deriva in gran parte dall’aramaico: si scrive anch’esso da destra a sinistra e si compone di 22 segni. Viene anche detto ‘ebarico quadrato’ per il fatto che i caratteri hanno una forma molto regolare e possono essere inscritti in un quadrato. L’alfabeto ebraico fu usato per scrivere la Bibbia, e anche attualmente viene impiegato con poche differenze rispetto al passato.

Il libro dell'Esodo scritto in ebraico

3. Una pagina del libro dell'Esodo scritto in ebraico quadrato

Fonti:

Cecilia Canepa, Storia della scrittura.

http://en.wikipedia.org/wiki/Aramaic_alphabet

http://en.wikipedia.org/wiki/Hebrew_alphabet

Immagini da Wikimedia Commons: 1, 2, 3.

Questo articolo fa parte della serie dedicata alla Storia della scrittura.

2 thoughts on “L’aramaico e l’ebraico

  1. Pingback: Un po' di storia della scrittura | NoSatisPassion

  2. Pingback: L’alfabeto greco e la comparsa delle vocali | Geekblog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.