Improvviso calo di visite nel blog

Improvviso calo di visite del blogPrima o poi succede a tutti: il tanto temuto calo di visite del blog! E tutti subito a chiederci ‘Perché? Cosa ho sbagliato? Cosa ho fatto di male per meritarmi questo?’ Anche il mio blog, lo scorso autunno, ha subito un improvviso calo di visite: me ne sono accorta guardando Google Analytics; i grafici dei visitatori mostravano un picco inequivocabile e repentino: da 600 visitatori giornalieri ero passata, nel giro di un paio di giorni, a poco più di una decina.

Capire il perché

Dopo aver superato lo chock iniziale, bisogna prima di tutto capire il motivo di questo improvviso calo di visite. Capire il perché può essere piuttosto difficile; qui elenco alcune operazioni che, secondo la mia esperienza, possono aiutare ad individuare la causa del problema:

Controlla Google Analytics e guarda quali sono i giorni in cui le visite hanno cominciato a calare; cerca di ricordare se in quei giorni hai fatto delle modifiche al blog (installazione di nuovi temi/plugin, modifiche al codice, ai file wp, al database, aggiornamento, cambio dominio, ecc.). Il calo di visite potrebbe essere legato a queste modifiche; in tal caso, cerca di ritornare alla condizione precedente le modifiche, magari tramite i backup che hai conservato.

Google Analytics può fornire molte informazioni sul calo di visite; vale la pena prendersi del tempo per analizzare i dati che ci mette a disposizione. In particolare, cerca di individuare quali fonti di traffico risultano maggiormente in calo: siti? Google? (in tal caso, quali parole chiave?) traffico diretto? feed?  Capire da quali fonti il traffico non arriva più è il primo passo per cercare di collocare il problema.

Sempre a proposito di Google Analytics… Immagino che sia stato proprio osservando le sue statistiche che ti sei accorto del calo di visite; Sei sicuro che il tuo codice di monitoraggio sia inserito correttamente nel blog? Molto banalmente, può succedere che per sbaglio tu abbia cancellato quel codice (ad esempio, aggiornando il tema o installandone uno nuovo): senza il codice, i visitatori ci sono, ma Google Analytics non li può rilevare. Solitamente il codice si trova prima del tag di chiusura </head> (controlla che sia presente visualizzando la sorgente di una qualsiasi pagina del tuo blog). Se non c’è, segui questa guida per inserirlo: Come impostare il codice di monitoraggio web.

Google Webmasters Tools è un ottimo strumento in grado di rilevare eventuali anomalie ed errori nel sito web, specialmente per quel che riguarda la sitemap, crawl errors, file robots.txt e anche malware che possono aver attaccato il tuo blog. E’ in grado di avvisarti con una mail quando trova qualcosa che non va.

Controlla che il tuo sito rispetti le regole e le indicazioni di Google per l’indicizzazione e l’ottimizzazione nel motore di ricerca:

Verifica che la tua Sitemap sia corretta e aggiornata; se non l’hai ancora fatta, fanne una adesso seguendo le istruzioni di Google:

Se usi un plugin SEO, non dimenticare di controllarne le impostazioni:  se è inattivo o impostato non correttamente, può alterare l’indicizzazione delle pagine del tuo blog.

Controlla che i tuoi feed siano funzionanti: se i feed non funzionano, i visitatori che ti seguono tramite feed non possono ricevere gli aggiornamenti sui nuovi articoli, e quindi il tuo blog riceve meno visite.

Google non vede di buon occhio i contenuti duplicati; se riscontri che qualcuno sta copiando i contenuti del tuo blog, procedi come scritto in questo articolo: Mi copiano il sito: cosa fare?

Controlla che il tuo blog non sia stato hackerato e che non contenga virus e malware; oltre a Google Webmaster Tools, possono tornarti utili strumenti come questi:

Se per vari motivi il tuo sito è stato penalizzato da Google, una volta che hai risolto il problema puoi inviare a Google una Richiesta di riconsiderazione

La mia esperienza

Per quanto riguarda il mio calo di visite, tutti questi passaggi sono serviti relativamente, perché nel mio caso il problema era dovuto alla ‘Google Dance’ causata dall’introduzione di un nuovo algoritmo da parte di Google. Non c’era nulla da fare, se non aspettare che Google si accorgesse di nuovo della bontà dei miei contenuti. Dopo un paio di mesi il blog si è ripreso da solo: è tornato tra i primi risultati di Google e i visitatori sono tornati ai livelli di prima; anzi, ora sono più di prima.

calo di visite nel mio blog

Ricordo però che quel calo di visite mi preoccupò parecchio, soprattutto perché non riuscivo ad individuarne la causa. In quel periodo mi è stato d’aiuto leggere il GT Forum, con tanti consigli per webmaster con problemi come il mio, e il Forum di assistenza di Google per Webmaster.

Voglio concludere il post con una parola di conforto a chi si trova ad affrontare questo problema: non preoccuparti eccessivamente per il calo di visite del tuo blog. Approfittane per fare tutti i controlli del caso e per sistemare qualche dettaglio (un po’ come le pulizie di primavera), ma non devi disperarti: se hai la coscienza pulita (non copi i contenuti di altri, non fai ‘trucchetti’ per aumentare le visite, ecc.), e se il tuo contenuto è unico, originale e interessante, non c’è ‘ma’ che tenga: prima o poi i visitatori torneranno da te, e  Google si accorgerà che il tuo sito merita di tornare primo. E’ solo questione di tempo!

7 thoughts on “Improvviso calo di visite nel blog

  1. Ormai non guardo google analytics da mesi. Essenzialmente perché avendo un blog personale dove metto quello che mi passa per la testa, non ha senso preoccuparsi di chi mi legge. Tanti, pochi, chissenefrega :D

  2. E’ successo anche a me.
    Da un paio di giorni il mio blog è sceso da una media di 500 visite al giorno a circa 100 e scendono ancora!!! In questi giorni ho alternato odio nei confronti di Google e domande del tipo cosa ho sbagliato, perchè proprio a me.

    Il tuo post mi ha riportato il sorriso.

    simo-3d.blogspot.com

  3. @Simone: Ciao Simone, sono contenta di averti tirato un po’ su il morale! :) Mi dispiace per quello che ti è successo, so che è abbastanza irritante. Spero che tutto si sistemi al più presto. In bocca al lupo! ;)

  4. penso che google analitycs sia il mentore delle nostre azioni e come un amico che da consigli, ecco perchè è utile e indispensabile, bell’articolo, ciao.

  5. @aumento visite: hai ragione, è proprio vero. Senza Google Analytics sarebbe molto dura, in situazioni come queste. Ciao e grazie! :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.