Dits zero, concorso di illustrazione t-shirt

Dits my style è una nuova community italiana dedicata al design di t-shirts; propone contest a tema e liberi, con la possibilità, per chi partecipa, di vincere premi in denaro molto interessanti. Lo scopo è quello di dare vita ad una community di Designer creativi per lanciare una nuova tendenza di T-shirt.

Dits zero è il primo contest indetto dalla community, un concorso-lancio per questa nuova realtà italiana:

http://www.dits.it/design/concorso/1/DITS_ZERO

Il concorso è aperto a tutti ed è assolutamente gratuito; dopo essersi registrati al sito di Dits my style, i partecipanti possono inviare i propri disegni: ci sono istruzioni e tutorial che spiegano come fare. La community, tra tutti i disegni pervenuti, esprimerà le proprie preferenze con un voto. I 30 disegni che avranno ottenuto il voto più alto verranno stampati sulle t-shirt, e gli autori saranno premiati in questo modo:

  • 1° classificato:   €1.000 + 200€D + T-shirt DITS
  • 2° classificato:      €500 + 125€D + T-shirt DITS
  • 3° classificato: €300 + 75€D + T-shirt DITS
  • 4° classificato:      €100 + 50€D + T-shirt DITS
  • 5-20° classificato: €50 + 25€D + T-shirt DITS
  • 21-30° classificato: €25 + 25€D + T-shirt DITS

SCADENZA: il concorso termina il 15 giugno 2011.

Facendo un giro sul sito di Dits my style, ho visto che non si tratta del ‘solito’ sito dedicato ai t-shirt design contest, ma che si propone come qualcosa di più ampio: mira a coinvolgere davvero artisti e creativi, creando un clima collaborativo e sinergico. Lo scopo non è solo “vincere il contest” o “vendere la maglietta”; la creatività è i designers sono messi in primo piano.

Infatti c’è cura e considerazione verso chi intende partecipare ai contest: ci sono sono tutorials che danno indicazioni precise su come realizzare le grafiche e come inviarle; oltretutto anche chi non ha mai usato programmi di grafica può partecipare inviando una scannerizzazione dei propri disegni cartacei e facendosi aiutare da un altro designer per realizzare la grafica della maglietta.

Non solo: nel sito è presente un forum e anche una sezione in cui gli iscritti possono scrivere articoli e tuturial; si può inoltre notare  lo sforzo che è stato fatto per integrare il tutto con i social network, allo scopo di dare molta visibilità ai disegni e agli artisti che partecipano.

Per essere agli inizi, mi sembra che questa community sia proprio partita con il piede giusto! :) Auguro molta fortuna a Dits e lo includo con molto piacere nella mia lista di siti dedicati ai t-shirt design contest.

 

3 thoughts on “Dits zero, concorso di illustrazione t-shirt

  1. Mi sa tanto di crowdsourcing, fenomeno che non approvo. Diciamo che è quasi tollerabile in questo contesto, con un prodotto grafico privo di pretese comunicative. Non che una maglietta non comunichi niente, non dico questo, ma diciamo che può comunicare qualsiasi cosa, non ci sono direttive da seguire. Ben più assurdi i crowdsourcing di siti o layout.

  2. è una bella iniziativa!..chi si compra la maglia orrenda .. messa in vendita solo perchè ha avuto tanti amici a votarla ? … serve una giuria!

  3. @Izzy: ho scritto un articolo anche sul crowdsourcing, tempo fa. Ti capisco, ci sono tanti punti discutibili…non è il massimo, né per il cliente né per il designer. Questi contest di design per magliette, però, secondo me dovrebbero essere presi come un gioco o passatempo divertente, non come lavoro. Ognuno si può esprimere liberamente e, come hai detto tu, non ci sono vincoli o direttive da seguire.

    @Roberto: :)) La questione “voti degli amici” irrita anche me, quando penso a certi scenari. Purtroppo chi gioca sporco c’è dappertutto, anche in ambiti ben più seri. La giuria può servire? Forse sì, ma anche così si solleverebbero proteste. E’ difficile trovare un sistema che contenti tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *