Convertire una foto in bianco e nero col metodo ‘Calcoli’

In Photoshop è possibile convertire una foto in bianco e nero usando la finestra di dialogo ‘Calcoli‘; è una finestra che può mettere un po’ di soggezione perché in apparenza è abbastanza criptica, ma tutto sommato non è un metodo così complesso come potrebbe sembrare a prima vista. Coraggio, quindi, e avanti!

  1. Apri la foto che vuoi convertire in bianco e nero.
  2. Vai in Immagine>Calcoli. Si aprirà la finestra di dialogo che ti permette di fondere due canali a tua scelta scegliendo il metodo di fusione colore che preferisci.
  3. Seleziona il primo canale, ad esempio il rosso; poi seleziona il secondo canale, ad esempio il verde. Scegli poi il metodo di fusione dal menù a tendina, ad esempio ‘Sovrapponi’. Se ti sembra che l’immagine sia troppo chiara o troppo scura, puoi anche scegliere una diversa opacità. Puoi sperimentare varie soluzioni: come vedi, hai molte opzioni tra cui scegliere, puoi combinarle in tantissimi modi. Mettendo la spunta su ‘Anteprima‘ puoi vedere subito il risultato.
  4. Quando sei soddisfatto del risultato, seleziona Risultato>Nuovo documento.

Questo metodo permette di fondere i due canali colore dell’immagine che, selezionati singolarmente, risultano ‘più belli’, così da ottenere un bianco e nero ricco di contrasti.

In questo esempio, ho fuso i canali rosso e verde col metodo fusione ‘Sovrapponi’ e un’opacità dell’87%:

4 thoughts on “Convertire una foto in bianco e nero col metodo ‘Calcoli’

  1. Ho letto che gradisci i commenti per cui eccomi qui. Sono una tua ” feedata” lettrice, ma ti seguo con particolare interesse da quando hai iniziato la serie delle guide sulla fotografia BW: finalmente un serio lavoro di approfondimento, lontano da effettacci ed effettoni. Ancora compliments e ciao!

  2. @Edmea: Ti ringrazio moltissimo, il tuo commento mi fa tanto piacere! Sono contenta che i miei articolo sulla fotografia siano di tuo gusto; tra poco ne scriverò un altro… A presto! :)

  3. Ciao! Grazie per aver condiviso questa tecnica con la rete. Sarebbe bello se tu riuscissi a spiegare, se ve ne sono, i criteri secondo cui scegliere i canali da fondere o gli eventuali metodi di fusione da selezionare per ottenere un risultato piuttosto che un altro. Penso potresti arricchire ancora di più questo già esauriente articolo. Ancora grazie! Saluti

  4. @Dave: Ciao Dave, grazie del tuo commento! In realtà non c’è un vero e proprio criterio: dopo aver fatto un po’ di ‘prove’, si decide quali sono le versioni che, una volta unite insieme, potrebbero dare il risultato migliore, più ricco di dettaglio, più vicino a ‘ciò che noi vogliamo’. Questo obiettivo è, logicamente, sempre molto soggettivo! ^^

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *