Convertire una foto in bianco e nero col metodo scala di grigio

Per trasformare una foto a colori in bianco e nero, il metodo più facile e veloce consiste nel convertirla in scala di grigio. Con questo metodo si eliminano le informazioni relative ai colori, che vengono per l’appunto sostituiti da varie tonalità di grigio (più precisamente dai colori bianco, nero, e da una scala di massimo 256 tonalità di grigio).

In Photoshop convertire un’immagine in scala di grigio è molto semplice e veloce (praticamente istantaneo):

  1. Apri la foto a colori;
  2. Vai in Immagine>Metodo>Scala di grigio. Se appare una finestra di dialogo che ti chiede se vuoi eliminare le informazioni sul colore, clicca “Elimina”;
  3. A questo punto la la foto è in bianco e nero.

Ecco un esempio di conversione da colori a bianco e nero col metodo scala di grigio:

 

Usare questo metodo per convertire una foto a colori in bianco e nero ha dei lati positivi e dei lati negativi. Vediamo quali.

Lati positivi:

  • E’ un metodo veloce e facile.
  • Il file che si ottiene è più leggero, perché le informazioni sul colore vengono eliminate.

Lati negativi:

  • Non c’è possibilità di controllare il risultato finale della conversione in bianco e nero. Al limite si può intervenire solo successivamente con altre correzioni (ad esempio, agendo sulle curve o sul filtro luci/ombre).
  • Il risultato può essere più o meno buono a seconda del tipo di foto, ma nella maggior parte dei casi è piuttosto mediocre: la foto appare piatta, poco contrastata.
  • Si perdono dei dati dell’immagine: quelli relativi al colore.

In conclusione:

Questo metodo è consigliabile solo quando si cerca una soluzione semplice e veloce per convertire una foto in bianco e nero, senza badare troppo alla qualità estetica del risultato; quando, insomma, la bellezza è un aspetto secondario rispetto ad altri fattori (velocità, semplicità, risparmiare spazio, ecc.).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.